Portafoglio Storico
Vai ai contenuti

Invenzioni

Museo Virtuale
Scoperte che hanno portato innovazioni in vari campi dell' Industria

Su queste pagine Le proponiamo alcuni documenti di particolare interesse storico ed artistico difficilmente reperibili, molti dei quali appartenenti a collezioni private. Si consiglia, tuttavia, di prendere contatto con noi in caso di specifico interesse.

Società Anonima per l’Invenzione Dall’Orto Motore Rotatorio a Vapore e per l'Esercizio dei relativi Diritti
Società Anonima per l’Invenzione Dall’Orto Motore Rotatorio a Vapore e per l'Esercizio dei relativi Diritti
Azione di fondazione al portatore da 10 Lire. Genova 15 settembre 1883. La compagnia ebbe per scopo la commercializzazione di un motore rotatorio a vapore inventato dall’italiano Dall’Orto. La suggestiva veste grafica del documento offre un emblematico aggancio visivo per l’immediata identificazione della società: il potere del progresso. Il suo simbolo, l’innovazione tecnologica per eccellenza - il motore a vapore - è riprodotto al centro del campo inferiore; ai lati la sua tangibile applicazione: la locomotiva e la nave a vapore. I quattro medaglioni nel quadrante superiore sinistro riportano altrettante effigi di scienziati che svilupparono rivoluzionarie applicazioni del vapore: Denis Papin (1647-1712), matematico e fisico francese, inventò una macchina ed un battello a vapore nel 1707; James Watt (1736-1819), matematico e ingegnere britannico - da cui prese il nome l’unità di misura della potenza del Sistema Internazionale - nel 1768 costruì il suo modello di macchina a vapore; Robert Stephenson (1803-1859), noto ingegnere ferroviario britannico, realizzò nel 1829 una delle prime storiche locomotive a vapore - progettata dal padre George dieci anni prima - detta Rocket, e Robert Fulton (1765-1815), ingegnere statunitense, inventore tra l’altro della nave a vapore e del primo sottomarino funzionante denominato Nautilus. A completamento del capolavoro stemma di Genova in alto, puttino, maschera e figura femminile simbolizzante l’Industria. La ricca e gloriosa rappresentazione grafica del certificato azionario era finalizzata alla promozione dell’azienda e alla persuasione del potenziale azionista all’acquisto dei suoi titoli, perché l’azione non doveva trasmettere illusioni, bensì offrire certezza e credibilità. Il disegnatore riesce con il suo ingegno creativo a comunicare il tipo di attività in cui l’impresa ha deciso di concentrare i propri sforzi e i capitali di cui si fa garante.

Società Anonima per l'Invenzione G. Bianchi - Nuovo Sistema di Velatura per i Piroscafi e per l'Esercizio dei relativi Diritti
Società Anonima per l'Invenzione G. Bianchi - Nuovo Sistema di Velatura per i Piroscafi e per l'Esercizio dei relativi Diritti
Azione di fondazione al portatore da 20 Lire emessa a Genova il 27 ottobre 1885.
Litografia Brignola e C. - Genova.
Magnifico fronte arricchito da personificazioni simboliche, strumenti per la navigazione, fregi deco­rativi ed elementi architettonici. Le divinità del mare e dei trasporti - Nettuno e Mercurio - siedono nel campo inferiore; veliero in navigazione - racchiuso in un medaglione - nel campo superiore. Effigi dei celebri navigatori ed esploratori italiani Marco Polo, Cristoforo Colombo, Giovanni da Verrazzano e Amerigo Vespucci.
Società Anonima dell'Elettro-Tessitura (Invenzione Bonelli)
Società Anonima dell'Elettro-Tessitura (Invenzione Bonelli)
Titolo di fondazione al portatore per 10 azioni da 100 Lire emesso a Torino il 31 agosto 1854.
Litografia F.lli Doyen e C. - Torino.
Bellissime allegorie simboleg­gianti gli obiettivi sociali rappresentati dall'applicazione nel settore tessile industriale dell'invenzione di Gaetano Bonelli (1815-1867), esperto del telegrafo di Morse e per questo nominato direttore generale dei telegrafi elettrici dello Stato a Torino. Il suo brevetto prevedeva l’applicazione dell’elettricità come forza regolatrice ai famosi telai Jacquard mediante l'impiego di una guida elettro-ma­gnetica e la sostituzione della messa in cartoni con l'armatura in licci, nell’intento di semplificarne il meccanismo. L'energia elettrica veniva fornita da batterie poiché l'e­lettricità via cavo non era ancora disponibile. L’annuncio della scoperta suscitò immediatamente l’interesse del mondo tessile industriale ed ebbero luogo numerose dissertazioni e dibattiti. Tuttavia l’invenzione non ebbe mai effettive applicazioni industriali. Il documento riporta le firme autografe di Gaetano Bonelli e di Philippe Dupré, noto esponente dell'industria tessile in Piemonte.

Società Italiana Macchine Parlanti a Diaframmi abbinati
Società Italiana Macchine Parlanti a Diaframmi abbinati
Azione al portatore di 100 Lire. Milano 25 settembre 1907. Fregi stilizzati nella cornice, marchio SIMP in alto, in basso e sullo sfondo. L’azienda milanese produceva e riparava le “macchine parlanti” ovvero gli strumenti quali fonografi e grammofoni che furono alle origini della riproduzione del suono.

portafogliostorico@aruba.it
© Gennaio 2017 -  Portafoglio Storico - dal 1982
P.IVA 03208000376 - portafogliostorico@aruba.it

Logo Portafoglio Storico
Torna ai contenuti